Le ricette della tradizione romagnola con Pesche e Nettarine

Pesche gelate all’Albana Spumante di Romagna

INGREDIENTI per

1 pesca matura e profumata;
un bicchiere di Albana dolce di Romagna Spumante DOCG;
zucchero e ghiaccio.

PROCEDIMENTO

Sbucciare la pesca, togliere il nocciolo e tagliare a fettine di 1 cm; disporre in un bicchiere di Spumante di Romagna DOCG fredda; polverizzare con un cucchiaio di zucchero semolato. Aromatizzare in frigorifero per un’ora circa e servire con tre cubetti di ghiaccio.

Pesche di Romagna caramellate

INGREDIENTI per

300 gr di zucchero;
5 cucchiai di acqua,
1 kg di pesche non troppo mature.

PROCEDIMENTO

Preparare un caramello mettendo lo zucchero a fuoco medio basso con due cucchiai di acqua.

Quando lo zucchero ha assunto consistenza liquida e colore dorato, togliete dal fuoco e aggiungere le pesche sbucciate e tagliate a spicchi piuttosto larghi. Rigirare delicatamente la frutta nel caramello con un cucchiaio e servire ancora calde o dopo averle raffreddate.

Ricette della tradizione con pesche e nettarine di Romagna

Pesche cotte all’aroma di cannella

INGREDIENTI per

2 kg di pesche mature;
150 gr di zucchero;
la scorza di mezzo limone;
scaglie di cannella;
acqua.

PROCEDIMENTO

Mettere a bollire in una pentola capiente le pesche sbucciate, snocciolare e tagliate a spicchi larghi. La qualità d’acqua deve essere sufficiente a ricoprire tutta la frutta. Aggiungere lo zucchero e la scorza di limone. Fare bollire per circa 7 minuti; togliere le pesche e disporle in terrine singole spolverizzate con cannella. Le pesche devono bollire in modo da rimanere integre.

Pesche ripiene

INGREDIENTI per

6 pesche spicche; grosse e poco mature;
4 savoiardi piccoli;
80 gr di zucchero;
50 gr di mandorle dolci;
10 gr di cedro o arancio candito;
mezzo bicchiere di vino bianco.

PROCEDIMENTO

Dividete le pesche in due parte, lavate loro i noccioli ingrandendoli buchi dove stavano con la punta di un coltello, la polpa tolta unitela alle mandorle già sbucciate e tritate finissime, insieme a 50 gr. di zucchero. A questo composto unite i savoiardi fatti in briciole, e, per ultimo, il candito tagliato a piccolissimi dati. Colmate con tale ripieno i buchi delle dodici mezze pesche che collocherete in una teglia (con il ripieno all’insù), insieme al vino bianco e ai rimanenti 30 gr di zucchero. Cuocere in forno per servirle calde o fredde, a piacere; guarnite con il loro sugo. Le pesche sono pronte quando il ripieno ha formato una leggera crosta in superficie.

CONSORZIO PERA DELL'EMILIA ROMAGNA IGP
C.S.O. ITALY CENTRO SERVIZI ORTOFRUTTICOLI S.C.A.R.L.

Beneficiario: Consorzio di Tutela Pera dell’Emilia Romagna IGP
Autorità di gestione: Direzione generale Agricoltura, caccia e pesca Regione Emilia-Romagna

“Il Consorzio di Tutela della Pera dell’Emilia Romagna IGP è beneficiario di un contributo FEASR per un progetto approvato in ambito PSR Emilia-Romagna 2014-2020 – Tipo di operazione 3.2.01 ‘Attività di promozione e informazione da gruppi di produttori sui mercati interni’, per un importo di spesa ammessa pari ad € 299.934,60. Per maggiori informazioni su FEASR CLICCARE QUI

Torna su